Curcuma e carcinoma tiroideo

Curcuma e carcinoma tiroideo

Il cancro della tiroide costituisce circa il 4% dei tumori maligni umani e quello differenziato è di solito associato ad una prognosi migliore. La terapia prevede, oltre al trattamento chirurgico, una terapia con radioiodio che però ha scarso effetto se si ha perdita di funzioni differenziate.

La terapia del carcinoma tiroideo non operabile spesso mostra esito sfavorevole.  A contribuire  alla resistenza terapeutica è il fattore nucleare-kB (NF-kB) costitutivo, maggiore attivatore delle cellule tumorali, in quanto contribuisce alla crescita di tumori aggressivi e allo sviluppo della resistenza terapeutica.  La terapia non riesce per la perdita della differenziata funzione cellulare nei carcinomi avanzati.

La curcumina è nota per le sue proprietà antitumorali in una serie di carcinomi, ma solo pochi studi si sono concentrati sul cancro alla tiroide. Obiettivo di questo studio è stato quello di indagare sulle sue potenzialità in una nuova opzione terapeutica nel cancro della tiroide avanzato. Si va a valutare se essa può indurre una differenziazione dove questa si perde.

Questo primo studio è stato fatto in vitro, utilizzando delle linee cellulari: TPC-1 (cancro papillare), FTC-133 (cancro follicolare) e BHT-101 (cancro anaplastico). Tutte sono state trattate con curcumina e, mediante l’utilizzo di diverse tecniche, è stata valutata l’attività su queste cellule.

La curcumina aumenta l’espressione dei marcatori della ri-differenziazione ed induce l’arresto del ciclo cellulare in fase G2 / M, induce l’apoptosi e la down-regulation dell’attività di NF-kB. Così, la curcumina sembra essere un agente promettente per superare la resistenza alla terapia convenzionale del cancro.

Inoltre, l’effetto di down-regolazione della curcumina sull’attivazione di NF-kB, suggerisce che può essere un agente antitumorale promettente per superare la resistenza alla chemioterapia e alla radioterapia nel cancro della tiroide avanzato. Sicuramente saranno necessari ulteriori studi.

 

Per approfondire la lettura:

Schwertheim S, Wein F, Lennartz K, Worm K, Schmid KW, Sheu-Grabellus SY.

Curcumin induces G2/M arrest, apoptosis, NF-κB inhibition, and expression of differentiation genes in thyroid carcinoma cells.

J Cancer Res Clin Oncol. 2017 Mar 6. doi: 10.1007/s00432-017-2380-z.

Condividi questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *