Fattori dietetici che promuovono lo sviluppo e la termogenesi del grasso bruno.

Fattori dietetici che promuovono lo sviluppo e la termogenesi del grasso bruno.

Il grasso bruno (BAT) è un tessuto adiposo specializzato, con elevata capacità di dissociare la respirazione cellulare dall’utilizzo di ATP, permettendo l’immagazzinamento dell’energia come calore.  Gli adulti possiedono una buona quantità di BAT, e la sua attività è inversamente correlata all’adiposità, alla concentrazione di glucosio nel sangue e alla sensibilità all’insulina. Per questo sono in atto una serie di studi con obiettivo l’incremento del grasso bruno per la lotta contro l’obesità e il diabete; le attuali conoscenze dei possibili modificatori ambientali della termogenesi, sono limitate. In particolare, nella dieta, l’attenzione è incentrata su dei particolari fitochimici (capsaicina, resveratrolo, curcumina, tè verde, berberina) e acidi grassi (olio di pesce, acidi linoleici coniugati), delineando i possibili meccanismi attivati per la conversione del grasso bianco in grasso bruno.

La curcumina è noto avere degli effetti positivi nelle obesità, ed una integrazione, permette un aumento della perdita di peso ed una riduzione della percentuale di massa grassa e della circonferenza vita. Questo è possibile in quanto si attivano dei marcatori del grasso bruno specifici, quali UCP1, Pgc1a e Prdm16, che attivano la via AMPK, anche se il meccanismo preciso rimane ancora sconosciuto. Si ha anche una aumento dei livelli di espressione dei alcuni geni della termogenesi (Ucp1, Pgc1a, Cidea, Prdm16 e Elovl3), osservando, in un modello sperimentale in vivo, l’aumento della temperatura corporea in topi esposti a basse temperature per tempi medio lunghi. Sembrerebbe verificarsi un aumento del contenuto di mitocondri (centrale elettrica della cellula).

Sicuramente sono necessari studi più approfonditi, e soprattutto, in un modello umano.

 

 

Per approfondire la lettura:

Okla M, Kim J, Koehler K, Chung S.

Dietary Factors Promoting Brown and Beige Fat Development and Thermogenesis.

Adv Nutr. 2017 May 15;8(3):473-483. doi: 10.3945/an.116.014332.

Condividi questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *