Ruolo della curcumina nelle malattie croniche

Ruolo della curcumina nelle malattie croniche

Diversi ricercatori hanno confermato che lo stress ossidativo e il danno ossidativo sono direttamente associati all’infiammazione cronica, che a sua volta porta a diverse malattie croniche, come cancro, malattie metaboliche, neurologiche, polmonari, intestinali e cardiovascolari. Poiché la curcumina è stata identificata come un rimedio importante contro lo stress ossidativo e l’infiammazione, sono stati intrapresi ampi lavori di ricerca per utilizzare la curcumina contro molte malattie croniche. La malattia infiammatoria intestinale (IBD), sintomatica con grave diarrea, dolore, affaticamento e perdita di peso, comporta un’infiammazione cronica di tutto o parte del tratto digestivo. Sia l’estratto di curcuma che le formulazioni di curcumina caricate con polimeri sono stati studiati nei modelli animali e nell’uomo ottenendo molti incoraggianti i risultati, senza effetti collaterali. Nei topi, una somministrazione orale di curcumina (100 mg / kg al giorno) per dieci giorni consecutivi, prima dell’induzione della colite, ha mostrato una riduzione del danno al colon. I pazienti con IBD trattati con curcumina (550 mg due volte al giorno per 1 mese) hanno mostrato una riduzione dei sintomi e degli indici di infiammazione, senza effetti collaterali significativi.

L’artrite reumatoide (RA), un disturbo autoimmune che colpisce principalmente le articolazioni su entrambi i lati del corpo, è un disturbo infiammatorio cronico sistemico e per ridurre la reazione artritica, è essenziale iniziare un trattamento precoce. Essendo un farmaco antinfiammatorio non steroideo e antiossidante, la curcumina è stata esaminata come potenziale terapia per la RA, di conseguenza i pazienti con RA trattati con curcumina hanno mostrato un significativo miglioramento sintomatico. In uno studio crossover in doppio cieco, che ha coinvolto 18 giovani pazienti affetti da AR, la somministrazione di curcumina (12 g per 2 settimane) ha esercitato un’attività anti-RA paragonabile a quella di alcuni farmaci standard.

Il diabete mellito (DM), comunemente indicato come diabete, è una malattia metabolica in cui vi sono alti livelli di zucchero nel sangue per un periodo prolungato. Le complicanze gravi a lungo termine includono malattie cardiovascolari, ictus, insufficienza renale cronica, ulcere del piede e danni agli occhi. L’effetto della curcumina contro il diabete è stato dimostrato con successo per la prima volta in un paziente nel 1972 e da allora sono stati pubblicati più di 200 articoli su questo argomento correlato. La Curcumina è in grado di ridurre la glicemia e i livelli di emoglobina glicosilata, e di prevenire la perdita di peso. La somministrazione orale di curcumina (80 mg / kg) ha mostrato un effetto anti iperglicemico e una migliore sensibilità all’insulina. È stato anche efficace nel migliorare l’intolleranza al glucosio. Sono stati inoltre segnalati uno o due effetti contraddittori, in cui la somministrazione intragastrica di curcumina non ha mostrato alcun effetto sulla glicemia. È stato dimostrato che la curcumina riduce molte altre complicanze associate al diabete, come il fegato grasso, la neuropatia diabetica, la nefropatia diabetica, le malattie vascolari, la malattie muscolo-scheletriche.

Le malattie neurodegenerative, tra cui il morbo di Parkinson e l’AD, si verificano a causa della progressiva perdita di struttura o funzione dei neuroni, inclusa la morte dei neuroni. La curcumina è stata considerata un potente farmaco principalmente a causa del fatto che gli studi epidemiologici indicano un rischio ridotto di AD tra gli indiani che consumano curcuma nella loro dieta. In linea con questo, numerosi studi sperimentali su modelli animali hanno confermato gli effetti positivi. E’ stato osservato che si verifica un abbassamento dei livelli di proteine ​​ossidate, IL-1β, del carico di placca insolubile e solubile nel cervello di topi transgenici AD Tg2576. Esistono numerosi studi clinici in corso sull’effetto della curcumina per la prevenzione dell’AD. Alcuni altri studi indicano che la curcumina presenta anche proprietà antidepressive e neuroprotettive.

La psoriasi, una malattia cronica della pelle, si verifica quando il sistema immunitario reagisce in modo eccessivo, causando infiammazione e desquamazione della pelle, ed è caratterizzata da spesse lesioni rosse e squamose su qualsiasi parte del corpo. Sin dai tempi antichi la curcuma è stata utilizzata come protettore della pelle nel subcontinente indiano. Ulteriori evidenze sperimentali indicano che la curcumina è un potenziale prodotto naturale per sopprimere la psoriasi, inibendo la proliferazione dei cheratinociti. In uno studio clinico, la curcumina somministrata per via orale ha dimostrato avere effetti terapeutici senza reazioni avverse in pazienti con psoriasi con una riduzione dell’area della psoriasi e dell’indice di gravità.

Oltre a queste importanti malattie, la curcumina è stata esaminata per il trattamento di altre malattie croniche, come la malattie cardiovascolari, la allergie, l’asma, le bronchiti, le malattie renali, l’obesità, la sclerodermia, la vitiligine, l’ulcera peptica, le infezioni da H. pylori e i disturbi oftalmici, e sono stati riportati risultati incoraggianti.

Fonte:

Gupta, Subash Chandra, Prasad, Sahdeo, Aggarwal, Bharat B.

Anti-inflammatory Nutraceuticals and Chronic Diseases.

Advances in Experimental Medicine and Biology 2016

Condividi questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *