Supplementazione con antiossidanti e malattie gastrointestinali.

Supplementazione con antiossidanti e malattie gastrointestinali.

Il tratto gastrointestinale assorbe le sostanze nutrienti date con la dieta, protegge il corpo da danni fisici e chimici causati dal passaggio del cibo, garantisce l’immunità contro gli antigeni esterni e mantiene un ambiente ottimale per la flora intestinale.  Se però è presente la sindrome del colon irritabile, malattia infiammatoria intestinale che comprende la malattia di Crohn e la colite ulcerosa, queste funzioni vengono ad essere compromesse. Dato che questa condizione è associata a stress ossidativo, una serie di supplementi antiossidanti possono essere utilizzati per cercare di arginare i danni e ripristinare le funzioni intestinali. Numerosi sono gli studi sperimentali atti a verificare il reale beneficio ricavato da tale integrazione, e in particolare, per la malattia di Crohn, gli integratori per i quali si ha un chiaro beneficio sono l’incenso o Shallaki, l’assenzio e gli acidi omega-3-grassi, mentre, per la colite ulcerosa, gli integratori migliori sono la camomilla, la Curcuma longa e gli acidi omega-3-grassi.

Gli antiossidanti agiscono inibendo dei pathway dello stress ossidativo in modo tessuto specifico e dell’ambiente e non semplicemente agendo come spazzini, per questo ci sono delle sostanziali differenze.

In particolare, la curcumina inibisce le vie infiammatorie, riducendo l’attività dei recettori arylhydrocarbon (Ahr), IL-1β e COX, e AKT / mTOR che controlla il pathway della produzione di energia e dell’insulina. Uno studio fatto su 207 pazienti, sottoposti ad integrazione di curcumina per oltre 8 settimane, ha evidenziato che essa ha effetti benefici per i pazienti affetti da IBS, in questo caso però, lo studio non conteneva un placebo di controllo. E’ stato poi dimostrato che l’integrazione di curcumina, in associazione con mesalamina, ha un effetto migliore del solo utilizzo di quest’ultima, e l’effetto positivo si ha sia su pazienti adulti che pediatrici.

 

 

 

 

Per approfondire la lettura:

Khan ISamson SEGrover AK. Antioxidant Supplements and Gastrointestinal Diseases: A Critical Appraisal. Med Princ Pract. 2017 Mar 8. doi: 10.1159/000468988.

 

Condividi questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *