Curcumina in neuroimmunoaging: una nuova possibilità terapeutica per gli esseri umani?

Curcumina in neuroimmunoaging: una nuova possibilità terapeutica per gli esseri umani?

Negli ultimi decenni, il crescente invecchiamento della popolazione, con conseguente aumento di malattie cronico degenerative, ha portato ad una aumentata indagine dei fattori ambientali coinvolti. Non si è ancora arrivati ad una spiegazione dettagliata dei meccanismi alla base, ed il controllo epigenetico dell’espressione genica è stato riconosciuto come attore principale nella produzione di un rapido adattamento alle mutevoli condizioni ambientali. L’epigenetica è la branca della biologia che studia come avvengono i cambiamenti nell’espressione genica senza modifiche nella sequenza del DNA. Tali cambiamenti possono essere indotti da fattori ambientali, come lo stress ossidativo o l’infiammazione, e questi sono i maggiori responsabili dello sviluppo di patologia croniche, come malattie neuro-degenerative, soprattutto negli anziani. Molti fitochimici alimentari, potenzialmente, sono in grado di interferire con le normali funzioni cellulari e di regolarne l’attività, in particolare delle cellule neuronali, ed ad avere un effetto positivo su eventi neuro-infiammatori. Nella classe dei fitochimici alimentari rientrano diversi composti non-nutrienti, a base vegetale; questi regolano dei processi cellulari in grado di preservare la salute delle cellule stesse. Per esempio, utile risulta il consumo di integratori alimentari ricchi in polifenoli, come modulatori del declino cognitivo legato all’età e all’aumentato livello di stress ossidativo. Resveratrolo, sulfarafano, curcumina, catechine, allicina e ipericina sono in grado di aumentare la resistenza cellulare al danno e alle malattie. In particolare, nel sistema nervoso, la curcumina ha mostrato avere molti effetti benefici in casi di ischemia e deficit comportamentali, di insufficienza cronica indotta da stress della neurogenesi ippocampale e di depressione. Il tutto può avvenire mediante l’attivazione di fattori trascrizionali, di risposte immunitarie, di

Per approfondire la lettura:

Front Pharmacol. 2016 Oct 13;7:364. eCollection 2016.

Dietary Phytochemicals in Neuroimmunoaging: A New Therapeutic Possibility for Humans?

Corbi G, Conti V, Davinelli S, Scapagnini G, Filippelli A, Ferrara N

Condividi questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *